Weekend a Parma

Tra tutte le meraviglie della provincia di Parma abbiamo scelto 2 destinazioni di particolare interesse e mistero: il Castello di Torrechiara ed il Castello di Bardi. Sono due mete classiche da visitare nel week end, ma vi suggeriamo di soggiornare a Parma, all'hotel Savoy........ giusto per evitare qualche brivido di troppo. Non lo sapevate? allora continuate a leggere... 

La leggenda del castello di Bardi.

I fantasmi del comandante Moroello e della sua amata Soleste avvistati nell’antica fortezza

Una vermiglia roccia, scolpita nel diaspro, fa da piedistallo ad un possente maniero che si trova nella valle del Ceno, in Emilia Romagna.
Questo luogo testimone del passaggio di tante vite, che originariamente avrebbe dovuto essere una fortezza inespugnabile è oggi avvolto nel silenzio e soggiogato dai suoi austeri misteri.

.

Gli avvistamenti dei fantasmi nel castello di Bardi

Ad esser avvistato in particolare sarebbe lo spirito di Moroello, addirittura immortalato in una foto realizzata con un una termocamera. Ad avvistarlo son stati Michele Dinicastro e Daniele Gullà, due parapsicologi bolognesi, a cui Moroello si sarebbe palesato.
Sono loro i primi veri “ghost hunters” ad essersi interessati al castello di Bardi e alla sua storia.
Oggi il maniero è una location molto conosciuta dagli appassionati di paranormale, ma quando Gullà e Dinicastro si cimentarono nella ricerca dei fantasmi di Moroello e Soleste, c’erano pochissime informazioni al riguardo, e tutte custodite scrupolosamente (internet ha cambiato un po’ le cose, ma questo è tutt’altro che un mistero.)
Le guide locali riferivano strane manifestazioni: un odore di sterco, anche in periodi dell’anno in cui non avveniva la concimazione, si alternava a quello di essenze profumate in una stessa stanza. Testimoni e guardiani della fortezza riferirono di udire indistintamente le voci di uomini e il rullo di tamburi laddove non c’era niente.
Un signore di Genova, che si accampò nel castello di Bardi con il suo gruppo di scout, udì per tutta la notte gli echi di una conversazione nella stanza un tempo adibita a locanda. Non seppe darsi una spiegazione, dopo essersi assicurato che tutti a Bardi dormivano.
E ancora, i custodi parlano di pietre comparse in semicerchio durante la notte o di grandi massi spostati dal loro punto di origine.
Tutti questi strani fenomeni avevano luogo la notte, quando il castello era chiuso al pubblico.

Le ricerche dei ghost hunters

In seguito a questi occasionali report, i ghost hunters decisero di dedicare anima e corpo sul mistero che aleggiava intorno alla fortezza.
Nel 1995, un team di parapsicologi coadiuvato da un sensitivo tenuto all’oscuro delle vicende di Moroello e Soleste, effettuò una prima ricerca. Il sensitivo percepì una sensazione di profonda tristezza quando si avvicinò al mastio dal quale, secondo la leggenda, Soleste si sarebbe lanciata. Riferì di vedere una dama afflitta girovagare nella zona in attesa di qualcuno o qualcosa.
Le medesime sensazioni furono riportate anche da altri medium, non informati delle vicende.

Fonte fantasmitalia.it